........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

Pignoramento conto corrente quando scatta. Tutti i casi previsti da leggi 2021

Dopo solleciti ripetuti e decreto ingiuntivo: quali sono i casi 2021 in cui può scattare il pignoramento di un conto corrente e tempi

Quando scatta il pignoramento di un conto corrente?

Stando a quanto previsto dalle leggi 2021, i casi in cui scatta il pignoramento di una conto corrente sono quelli in cui il debitore salta più rate consecutivamente del debito da pagare e il debitore non regolarizza la sua posizione pur essendo stato sollecitato più volte.
 

Pignorare un conto corrente o procedere ad altre tipologie di pignoramenti non è una operazione che scatta immediatamente nei confronti di chi ha dei debiti ma è l’ultimo step dopo una lunga procedura di recupero crediti che, però, non va a buon fine. Il pignoramento può interessare beni immobili ma anche beni mobili come il conto corrente. Vediamo quali sono tutti i casi previsti dalle leggi 2021 in cui scatta il pignoramento del conto corrente?

  • Pignoramento conto corrente quando si può fare
  • Come fare pignoramento conto corrente secondo leggi 2021

Pignoramento conto corrente quando si può fare

Quando si chiede un prestito e banche o finanziarie lo concedono e le rate di rimborso non vengono regolarmente rispettate più di una volta; quando si salta completamente il pagamento della rata di un prestito o un mutuo; quando si paga in maniera saltuaria il rimborso di un prestito o di un mutuo e nonostante i solleciti da parte di banche o finanziarie si continua a non essere regolari nei pagamenti, allora le stesse sono autorizzate a pignorare il conto corrente del debitore.

Finanziamenti – Agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

Stando alle attuali norme, il pignoramento del conto corrente è la forma ‘privilegiata’ di pignoramento che si sceglie per recuperare le somme dovute dai debitori perché la più diretta e sicura e permette a banche e finanziarie di ‘mettere le mani’ sui soldi della persona che deve pagare e non lo fa o non lo fa regolarmente. 

Stando a quanto previsto dalle leggi 2021, i casi in cui scatta il pignoramento di una conto corrente sono quelli in cui il debitore salta più rate consecutivamente del debito da pagare e il debitore non regolarizza la sua posizione pur essendo stato sollecitato più volte.

Precisiamo che le leggi 2021 prevedono l’impignorabilità degli importi necessari al sostentamento del debitore e della sua famiglia.

Come fare pignoramento conto corrente secondo leggi 2021

Il pignoramento di un conto corrente, così come un pignoramento dello stipendio secondo quanto previsto dalle leggi 2021, scatta, dunque, quanto il debitore continua a non pagare le rate del suo prestito o altro debito pur essendo stato sollecitato più volte a regolarizzare il pagamento dovuto. In questi casi, la banca o la finanziaria deposita in tribunale una richiesta di decreto ingiuntivo che deve essere notificato entro 60 giorni dalla sua emissione. 

Dal momento in cui riceve la notifica del decreto ingiuntivo, chi ha il debito da pagare ha 40 giorni di tempo o per pagare il debito o per fare opposizione in presenza di errori o irregolarità nella procedura.

Finanziamenti – Agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

Se entro questi 40 giorni di tempo il debitore non salda il suo debito e nè presenta opposizione, riceve un atto di precetto, ultimo avviso che intima il pagamento entro 10 giorni dal momento in cui si riceve e dall’undicesimo in poi il creditore può avviare il pignoramento esecutivo.

Terminata la procedura che porta al pignoramento e avuta la possibilità di avviarlo, la legge prevede la possibilità per la banca, o per l’ente postale, di prelevare soldi dal conto corrente del debitore o direttamente l’intera somma dovuta per il debito, nel caso in cui si tratti di somme relativamente basse, o di prelevare direttamente mese per mese la somma dovuta fino ad arrivare alla cifra complessiva dovuta per saldare il debito.

Nel caso di pignoramento di conto corrente cointestato, se il debito è di un unico intestatario, non si può toccare la parte di conto dell’altro intestatario, il che significa che si può bloccare il 50% delle somme. 

 

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il 21/05/2021 alle ore 01:45

Source

Finanziamenti – Agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

Finanziamenti – Agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

Finanziamenti – Agevolazioni

Siamo operativi in tutta Italia

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: