APPROFITTA DELLA PACE FISCALE PER SANARE DEFINITIVAMENTE IL TUO DEBITO CON AGENZIA RISCOSSIONE! SCOPRI COME ACCEDERE AL CONDONO E COME PAGARE IL MENO POSSIBILE.

 

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

 

Come fare ad accedere alla rottamazione?

L’accesso alla procedura è molto semplice. È necessario che il contribuente presenti apposita istanza entro il termine perentorio fissato al 30.04.2019.

L’istanza di adesione alla rottamazione agevolata “Rottamazione ter”, disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate – Riscossione, può essere presentata tramite posta elettronica certificata, unitamente alla copia del documento di identità, ovvero direttamente agli sportelli dell’Agenzia delle Entrate – Riscossione.

Inoltre, appare opportuno chiarire che nell’istanza il contribuente dovrà indicare il numero di rate in cui intende adempiere al pagamento dell’importo dovuto a titolo di definizione agevolata. Potrà, infatti, scegliere tra il pagamento in un’unica soluzione oppure optare per la rateazione in 18 rate, quale numero di rate massimo previsto dall’art. 3, comma 2, del D.L. n. 119/2018, oppure indicare il numero di rate, purché inferiore a 18.

Mia ImmagineMia Immagine

Vogliamo ricordare quali sono le date importanti?

Certamente! Come anticipato, il contribuente che intende accedere alla procedura deve presentare istanza entro il 30 Aprile 2019. Tale data è fondamentale, perché rappresenta il termine ultimo per accedere alla Rottamazione ter, ovvero per poter integrare o modificare l’istanza.

Un’altra data importante sarà il 31.06.2019, in cui l’Agenzia delle Entrate – Riscossione comunicherà a ogni contribuente che ha presentato l’istanza l’importo complessivo da pagare, nonché quello di ogni singola rata e della relativa scadenza.

Inoltre, salvo che il contribuente non abbia optato per il pagamento in un’unica soluzione, il quale dovrà avvenire entro il 31.07.2019, per la rateizzazione dell’importo sono previste 18 rate già calendarizzate. L’art. 3, comma 2, lett.b), stabilisce che le prime 2 rate, ciascuna di un importo pari al 10% delle somme complessivamente dovute, avranno scadenza rispettivamente il 31.07.2019 ed il 30.11.2019; mentre per le restanti, tutte del medesimo importo, i contribuenti dovranno ricordare le diverse scadenze, fissate per il 28 febbraio, il 31 maggio, il 31 luglio e il 30 novembre di ogni anno a partire dal 2020.

Mia ImmagineMia Immagine

Ricapitoliamo:

30.4.2019 – termine ultimo di presentazione, modificazione o integrazione dell’istanza

31.6.2019 – comunicazione dell’Ader importo complessivo e rate

31.7.2019 – 30.11.2019 – Prima e seconda rata, ciascuna pari al 10% importo complessivo

28 febbraio, 31 maggio, 31 luglio e 30 novembre – rate restanti dal medesimo importo (dal 2020 al 2023),

Quali sono le modalità di pagamento?

Sono previste tre modalità di pagamento delle somme dovute per la definizione, quale:

la domiciliazione sul conto corrente bancario del debitore;
i bollettini precompilati;
direttamente presso gli Uffici dell’Agenzia delle Entrate – Riscossione;
Attraverso quest’ultima modalità di pagamento, il contribuente avrà la possibilità di usare in compensazione crediti certificati verso la Pubblica Amministrazione.

Cosa accade se il contribuente dovesse ritardare il pagamento di qualche rata?

È tollerato un ritardo massimo di 5 giorni per ogni scadenza, senza applicazione di interessi per il ritardo. Tuttavia, qualora il contribuente dovesse decadere dalla definizione agevolata, a causa di mancato ovvero insufficiente o tardivo pagamento il debito ritornerebbe quello originario.

Daily Limit Exceeded. The quota will be reset at midnight Pacific Time (PT). You may monitor your quota usage and adjust limits in the API Console: https://console.developers.google.com/apis/api/youtube.googleapis.com/quotas?project=515793079602

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni